Visite: 76

La Sicilia domina la fase finale dei CyberTrials 2024 di Torino.

Sono due le studentesse siciliane che hanno raggiunto la vetta del podio dei CyberTrials 2024, prestigiosa competizione nazionale a squadre di sicurezza informatica, tenutasi dal 6 al 9 giugno 2024 presso il campus dell’I.T.C. ILO (International Training Centre · International Labour Organization) di Torino.

CyberTrials è una competizione organizzata già per il 3° anno consecutivo dal Cybersecurity National Lab, con l'obiettivo di incentivare le giovani donne ad avvicinarsi al mondo della sicurezza informatica, un settore in continua crescita e di importanza strategica per la protezione delle informazioni e per la salvaguardia della sicurezza nazionale in un mondo 'digitale' sempre più dominato dall'Informatica, dalla Robotica e dall'Intelligenza Artificiale.

L'edizione 2024, rivolta alle studentesse degli Istituti Superiori di 2° grado, ha visto coinvolte ben 20 squadre finaliste provenienti da tutta Italia (ciascuna squadra era composta da 4 studentesse scelte in maniera casuale già nel mese di gennaio di quest'anno), che si sono fronteggiate senza esclusione di colpi in una serie di gare, workshop e conferenze, culminate in un'estenuante prova finale della durata di ben 6 ore.

In queste 6 ore decisive ai 20 team è stata somministrata una batteria di prove di tipo CTF (Catch The Flag) in cui sono stati messe alla prova tutte le loro conoscenze, competenze e abilità nella risoluzione di challenge di sicurezza informatica, in una lotta contro il tempo per riuscire a trovare la soluzione di ciascuna prova (la flag, per l'appunto) prima degli altri concorrenti.

Nella finale di sabato 8 Giugno la vittoria è andata alla squadra denominata "404_Name_Not_Found," composta da tre studentesse, di cui ben 2 sono siciliane, e precisamente:
1) Giovanna Castiglione, alunna della classe 4C Articolazione Informatica dell'I.I.S. "Leonardo da Vinci" di Trapani;
2) Magdalena Irena Marciszewska, alunna della classe 4CI Informatica dell’I.T.I.S. “E. Torricelli”di Sant’Agata di Militello (ME).
Con loro, in squadra anche l'alunna Veronica Barbati dell’I.T.I.S. "Montani" di Fermo, nelle Marche. Assente per motivi personali la 4a componente della squadra.

Il trio di giovani studentesse ha dimostrato una straordinaria coesione e abilità, insieme ad eccezionali conoscenze informatiche, capacità di lavorare in team e competenze nel risolvere complesse sfide di cybersecurity, crittografia e criptoanalisi, distinguendosi per l'elevato numero di sfide risolte e superando in uno splendido rush finale tutti gli altri team partecipanti. Come se non bastasse le due siciliane  si sono aggiudicate anche il premio speciale della giuria, quale "migliore presentazione del lavoro svolto durante la gara".

Queste le parole espresse a caldo dalla trapanese Giovanna Castiglione, visibilmente stanca ed emozionata: "...inizialmente non pensavamo alla vittoria, volevamo solo dare il massimo e onorare la manifestazione. Quando poi abbiamo iniziato a scalare la classifica e a renderci conto che ce la potevamo fare ci siamo caricate di ulteriore adrenalina e di voglia di vincere. A quel punto ci siamo concentrate ancora di più, nonostante la stanchezza accumulata di ora in ora. Ciò che adesso stiamo vivendo rappresenta una gioia indescrivibile!".

Particolare soddisfazione è stata espressa dalla Dirigente Scolastica dell'I.I.S. "Leonardo da Vinci" di Trapani, D.ssa Margherita Ciotta e dal docente del Dipartimento di Informatica, Prof. Giovanni Sanguedolce (referente Cybertrials), presente per l'occasione anche nella veste di docente accompagnatore, il quale ha così commentato la splendida prestazione di Giovanna e del suo team:
"...il nostro Istituto (l'I.I.S. "Leonardo da Vinci" di Trapani, ndr) da sempre pone la massima attenzione nel promuovere iniziative legate alla valorizzazione delle eccellenze, con particolare riferimento al mondo delle tecnologie emergenti (cybersicurezza, robotica e Intelligenza Artificiale in primis). Questo splendido primo posto in una manifestazione così importante è la prova che quando si lavora bene, in sinergia con dei colleghi disponibili e tecnicamente preparati e con alunni meravigliosi, quando tutta la struttura si adopera nel raggiungere un risultato fortemente voluto, questo risultato da sogno astratto si concretizza e diviene realtà. Ed è in questa realtà che opera il "Leonardo da Vinci" di Trapani. Lavoreremo così anche l'anno prossimo, impegnandoci con la stessa intensità, lo stesso spirito di abnegazione e lo stesso credo, cercando di coinvolgere un numero di studentesse e studenti sempre maggiore, verso la ricerca di un sogno da realizzare".

Torna all'inizio del contenuto